Il tempo passa e l'Eternità si avvicina

abbazie.com

Rennes Le Château

ed i domini dell'abate

Bèrenger Sauniére

Rennes Le Chateau

Rennes le Château

L'abitato

Siamo a Rennes le Château.

Siamo arrivati uscendo dall'autostrada a Carcassonne ed abbiamo preso la statale D118 per Limoux che attreverseremo per continuare poi per Quillan.

La strada è bella e veloce ed occorre fare ben attenzione alle numerose autovelox presenti.

Rennes le Chateau


Arrivati a Couiza abbiamo svoltato a sinistra per Rennes le Château ed abbiamo iniziato a salire la collina.

Pochi chilometri e siamo arrivati al piazzale dove parcheggiamo l'auto, dato che non abbiamo l'autorizzazione ad entrare in paese con l'auto.

Rennes le Chateau


Dal parcheggio al paese sono veramente due passi.

Cosa si può vedere a Rennes le Château oltre alla chiesa di Santa Maria Maddalena?

Non molto in quanto il paese è veramente piccolo, ma affascinante.

Oltre ai possedimenti di Bèrenger Sauniére merita attenzione lo Chateau de Hautpoul, il castello dei nobili locali.

In pratica lo si fotografa o prima o dopo aver visto i possedimenti.

Rennes le Chateau


Poi molto folclore locale con porte e finestre che sembrano arrivare dal primo '900.

Rennes le Chateau


E guardate che gatti ...

Rennes le Chateau


Certo ci lascia perplessi vedere una tomba in mezzo al paese ...

La tomba in paese


La parte più interessante sono però la Chiesa di Maria Maddalena con i suoi esterni misteriosi ed i possedimenti (detti dominio) di Bèrenger Sauniére.

La torre Magdala (il nome viene da Maria di Magdala), una piccola torre instile neogotico ...

La torre Magdala La torre Magdala


e la villa Betania (il nome viene da Maria sorella di Lazzaro di Betania), una villa di campagna abbasyanza sontuosa visto il periodo ed il posto ove è stata costruita.

Villa Betania


In poco più di un ora si vede tutto quello che c'è da vedere, compresa la chiesa, e si può ritornare alla macchina.

Versione web - aggiornamento 1.0

abbazie.com

Tu sei il nostro



visitatore dal 01/05/2002









Lascia i tuoi commenti sulla nostra pagina

Abbazie / Google+