Il tempo passa e l'Eternità si avvicina

abbazie.com

San Francesco
di Assisi

Chiusi di la Verna - San Francesco riceve le Stimmate

Le preghiere francescane

Di seguito alcune preghiere scritte da San Francesco

Preghiera Somma

Preghiera Somma

Sulla colonna di sinistra si riporta la preghiera, mentre sulla colonna di destra un breve commento.

Lodi di Dio Altissimo

Tu sei santo, Signore Iddio unico, che fai cose stupende

Tu sei forte

Tu sei grande

Tu sei altissimo

Tu sei Re onnipotente

Tu sei il Padre Santo, Re del cielo e della terra

Tu sei trino ed uno, Signore Iddio degli dei

Tu sei il bene, tutto il bene, il sommo bene

Signore Iddio vivo e vero

Tu sei amore, carità

Tu sei sapienza

Tu sei umiltà

Tu sei pazienza

Tu sei bellezza

Tu sei sicurezza

Tu sei pace

Tu sei gaudio e letizia

Tu sei la nostra speranza

Tu sei giustizia

Tu sei temperanza

Tu sei tutta la nostra ricchezza

Tu sei bellezza

Tu sei mitezza,

Tu sei il protettore

Tu sei custode e il difensore nostro

Tu sei fortezza,

Tu sei rifugio

Tu sei la nostra speranza

Tu sei la nostra fede

Tu se la nostra carità

Tu sei tutta la nostra dolcezza

Tu sei la nostra vita eterna, grande e ammirabile

Signore, Dio onnipotente, misericordioso Salvatore.


Ritorna ad inizio pagina

Queste Lodi ci sono pervenute autograte del Santo, perchè scritte da Lui stesso sul verso della pergamena che contiene la Benedizione a frate Leone.

Nei lato della pergamena (riferiscono le Fonti Francescane) che contiene la Benedizione a frate Leone, sopra di essa, da altra mano e con inchiostro rosso è scritto:

Il beato Francesco, due anni prima della sua morte, fece una quaresima sul monte della Verna, ad onore della beata Vergine Maria, Madre di Dio e del beato Michele Arcangelo, dalla festa dell'Assunzione di Santa Maria vergine fino alla festa di San Michele Arcangelo;

e la mano di Dio tu su di lui mediante la visione e le parole del serafino e l'impressione delle stimmate di Cristo nel suo corpo;

compose allora queste laudi che sono scritte nel retro di questo foglio, e le scrisse di sua mano, rendendo grazie al Signore per il beneficio a Lui concesso


Anche Tommaso da Celano nella Vita Seconda cap. XX, 49 ci rende testimonianza del fatto:

Un giorno Francesco lo chiama (frate Leone):

Portami, Gli dice, carta e calamaio, perchè voglio scrivere le parole e le lodi del Signore, come le ho meditate nel mio cuore


Subito Gli portò quanto aveva chiesto, ed Egli, di sua mano, scrisse le lodi di Dio e le parole che aveva in animo.

Alla fine aggiunse la benedizione del frate e Gli disse:

Un giorno Francesco lo chiama (frate Leone):

Prenditi questa carta e custodiscila con cura fino al giorno della Tua morte


La data di composizione dunque è chiara: Settembre 1224.

Esortazione alla Lode di Dio

Temete il Signore e rendetegli onore

Il Signore è degno di ricevere la lode e l'onore

Voi tutti che temete il Signore, lodatelo

Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con Te

Lodatelo, cielo e terra

Lodate il Signore, o fiumi tutti

Benedite il Signore, o figli di Dio

Questo è il giorno fatto dal Signore, esultiamo e rallegriamoci in esso

Alleluia, alleluia, alleluia! Il Re di Israele

Ogni vivente dia lode al Signore

Il Lodate il Signore, perchè è buono

Tutti voi che leggete queste parole, benedite il Signore

Benedite il Signore, o creature tutte

Voi tutti, uccelli del cielo, lodate il Signore

Servi tutti del Signore, lodate il Signore

Giovani e fanciulle lodate il Signore

Degno è l'Agnello che è stato immolato di ricevere la lode, la gloria e l'onore.

Sia benedetta la santa Trinità e l'indivisa Unità

San Michele Arcangelo, difendici nel combattimento

Ritorna ad inizio pagina

Mariano Fiorentino (+1523) afferma che queste Lodi erano nel Convento dell'Eremita (Terni) e che erano autografe di San Francesco.

Lodi per Ogni Ora

Santo, Santo, Santo il Signore Dio onnipotente che è, che era e che verrà

E lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli

Tu sei degno, Signore Dio nostro e, di ricevere la lode, la gloria e l'onore e la benedizione

E lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli

Degno è l'Agnello, che è stato immolato di ricevere potenza e divinità, sapienza e fortezza, onore e gloria e benedizione

E lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli

Benediciamo il Padre e il Figlio con lo Spirito Santo

E lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli

Benedite il Signore, opere tutte del Signore

E lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli

Date lode al nostro Dio, voi tutti suoi servi voi che temete Dio, piccoli e grandi

E lodiamolo ed esaltiamo nei secoli

Lodino lui, glorioso, i cieli e la terra

E lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli

E ogni creatura che è nel cielo e sopra la terra e sotto terra e il mare e le creature che sono in esso

E lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli

Ritorna ad inizio pagina

Queste lodi il Serafico Padre le ha desunte in parte dalla Sacra Scrittura, e venivano recitate prima di ogni ora del Divino Ufficio e dell'Ufficio della Passione e della Vergine, ed erano recitate subito dopo il Santissimo Padre Nostro.

Preghiera di Lode e Ringraziamento

Onnipotente, Santissimo, Altissimo, Sommo Dio,

Padre santo e giusto, Signore Re del cielo e della terra, ti rendiamo grazie per il fatto stesso che tu esisti, ed anche perchè con un gesto della tua volontà, per l'unico tuo Figlio e nello Spirito Santo, hai creato tutte le cose visibili ed invisibili e noi, fatti a tua immagine e somiglianza, avevi destinato a vivere felici in un paradiso dal quale unicamente per colpa nostra siano stati allontanati.

E ti rendiamo grazie, perchè, come per il Figlio tuo ci creasti, così a causa del vero e santo amore con il quale ci hai amati, hai fatto nascere lo stesso vero Dio e vero uomo dalla gloriosa sempre vergine beatissima Santa Maria e hai voluto che per mezzo della croce, del sangue e della morte di Lui noi fossimo liberati dalla schiavitù del peccato.

E ti rendiamo grazie, perchè lo stesso tuo Figlio ritornerà nella gloria della Sua maestà per mandare nel fuoco eterno gli empi che non fecero penitenza e non vollero conoscere il tuo amore e per dire a quelli che ti conobbero, adorarono, servirono e si pentirono dei loro peccati:

Venite Benedetti del Padre mio:

entrate in possesso del regno che è stato preparato per voi, fin dalla creazione del mondo! (Mt. 25,34)


E poichè noi, miseri e peccatori, non siamo nemmeno degni di nominarti Ti preghiamo e Ti supplichiamo, perchè il Signore nostro Gesù Cristo, il Figlio che Tu ami e che a Te basta sempre e in tutto, per il quale hai concesso a noi cose così grandi, insieme con lo Spirito Santo Paraclito, ti renda grazie per ogni cosa in modo degno e a te gradito.

E umilmente preghiamo in nome del Tuo amore la beatissima Maria sempre Vergine, i beati Michele, Gabriele, Raffaele e tutti gli angeli, i beati Giovanni Battista e Giovanni evangelista, Pietro e Paolo, i beati patriarchi, profeti, innocenti, apostoli, evangelisti, discepoli, martiri, confessori, vergini, i beati Elia ed Enoc, e tutti i santi che furono, che sono e che saranno, perchè, come essi possono fare, rendano grazie a Te, per tutto il bene che ci hai fatto, o sommo Dio, eterno e vivo, con il Figlio Tuo diletto, Signore nostro Gesù Cristo e con lo Spirito Paraclito nei secoli dei secoli.

Amen

Ritorna ad inizio pagina

Questa stupenda preghiera fa parte della regola non bollata e si trova nel capitolo XXIII.

E' stata definita da P.S. da Campagnola "una confessione lirica nella quale si può additare il Credo sublime di San Francesco".

Il Serafico Padre, dopo aver reso grazie alle tre Persone della Santissima Trinità, invita Maria Santissima, i Cori angelici e tutti i Santi a rendere grazie al "sommo e vero Dio".

Anche noi rendiamo grazie a Dio altissimo e sommo.

Signore Iddio

Signore Iddio,

che tutti ti possiamo amare con tutto il cuore,

con tutta l'anima,

con tutta la mente,

con tutta la capacità e la forza

con tutto l'intelletto e con tutte le potenze,

con tutta l'intensità,

con tutto l'affetto,

con tutto il nostro intimo,

con tutto il desiderio e la volontà:

perchè Tu, o Signore,

a noi hai dato e ancora dai tutto il tuo corpo

e tutta l'anima tua e la tua vita intera!

Tu che ci hai creati, ci hai redenti e per sola Tua misericordia ci salverai;

Tu che hai fatto e fai ogni bene a noi, miserabili e miseri come siamo, putridi e fetidi, ingrati e cattivi.

Che null'altro, dunque, possiamo noi sapere, null'altro desiderio, null'altro volere, in null'altro trovare piacere o diletto, se non in Te, che sei Creatore e Redentore e Salvatore nostro: in Te che sei solo vero Dio, pienezza di bene, ogni bene, tutto il bene, vero e sommo bene, che solo sei buono, pio e mite, soave e dolce; che solo sei santo e giusto, vero e retto; che solo sei benigno, innocente e puro.

Da Te, per Te e in Te è tutto il perdono, tutta la grazia, tutta la gloria di tutti i penitenti e giusti e di tutti i beati che insieme godono nel cielo.

Nulla, dunque, o Signore, ci separi, nulla ci divida, nulla ci impedisca dall'amarti ovunque e in ogni tempo, ogni giorno e di continuo, in verità e con umiltà e di portare sempre in cuore Te, vero Dio.

Che sempre Ti possiamo amare ed onorare, adorare e servire, lodare e benedire e glorificare, sempre magnificare ed esaltare.

E grazie, Signore!

Grazie a te, altissimo e sommo Iddio Trinità ed Unità, Padre e Figlio e Spirito Santo, Creatore di tutto.

Salvatore di quanti credono e sperano in Te e Te amano; che sei senza principio e senza fine, ammirabile, invisibile, inenarrabile, ineffabile, incomprensibile, imperscrutabile, benedetto, lodevole, glorioso e super esaltato, sublime, eccelso, amabile, soave, dilettevole.

Tutto sempre sopra ogni cosa desiderabile nei secoli dei secoli.

Amen.

Bartolomeo da Pisa: De conformitate, fruct. XXIII, p. Il - FF 70-73

Ritorna ad inizio pagina

Bartolomeo da Pisa riporta questa preghiera nel suo libro "De Conformitate", come conclusione della stessa Regola.

Per corretezza di informazione la preghiera, così come la riportiamo, è alquanto diversa da quella che, al capitolo 23, conclude la prima Regola dei Frati Minori,

Onnipontente Santissimo

Onnipotente, santissimo

altissimo e sommo Iddio,

che sei il sommo bene,

tutto il bene,

ogni bene,

che solo sei buono,

fa che noi ti rendiamo ogni lode,

ogni gloria,

ogni grazia,

ogni onore,

ogni benedizione,

e tutti i beni.

Fiat.

Fiat.

Amen.

Ritorna ad inizio pagina

Con questa Orazione, il San Francesco concludeva la preparazione alla recita deIl'"Ufficio della Passione del Signore", ovvero la preghiera quotidiana dei frati quando ancora non avevano i breviari.

Preghiera prima dell'ufficio Divino

Onnipotente, eterno, giusto e misericordioso Iddio,

concedi a noi miseri di fare,

per tua grazia, ciò che sappiamo che Tu vuoi,

e di volere sempre ciò che Ti piace,

affinchè purificati nell'anima

affinchè interiormente illuminati e accesi dal fuoco dello Spirito Santo,

possiamo seguire le orme del Figlio Tuo,

il Signore nostro Gesù Cristo,

e a Te, o Altissimo,

giungere con l'aiuto della Tua sola grazia.

Tu che vivi e regni glorioso

nella Trinità perfetta

e nella semplice Unità,

Dio Onnipotente

per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Ritorna ad inizio pagina

San Francesco, prima di iniziare la recita dell'Ufficio divino era solito recitare questa preghiera.

Bartolomeo da Pisa la chiama "la Preghiera prima delle ore canoniche".

Mio Dio e mio tutto

Mio Dio e mio tutto!

Chi siete voi,

mio dolcissimo Signore Iddio,

e chi sono io,

io povero vermiciattolo,

vostro servo?...

Signore santissimo

io vorrei amarvi

Signore mio Dio,

io vi dono tutto il cuor mio

e lo desidero ardentemente

fare sempre di più,

se almeno lo potessi compiere.

Ritorna ad inizio pagina

Questa preghiera è riportata da Bartolomeo da Pisa, nelle sue "Conformitates", come preghiera quotidiana di San Francesco.

Anzi, Bartolomeo scrive che il Serafico passava delle notti intere meditando su queste parole.

Il Santo davanti alla immensità di Dio si umilia fino a chiamarsi "vermiciattolo"!.





Una piccola bibliografia veramente economica:

Anacleto Iacovelli

Vita di San Francesco di Assisi - Lo Sposo di Madonna Povertà

Samuele Duranti

Nacque al mondo un sole

Hermann Hesse

Francesco di Assisi

Versione web - aggiornamento 3.1

abbazie.com

Tu sei il nostro



visitatore dal 01/05/2002









Lascia i tuoi commenti sulla nostra pagina

Abbazie / Google+