abbazie.com

Camaldoli Casamari Farfa Farneta S.Salvatore S.Antimo

Sito laico di religione Cattolica e storia medioevale

Fonte Avellana La Verna Monte Oliveto Montecassino Sacra San Michele Vallombrosa

Il tempo passa e l'Eternità si avvicina

la Sacra di San Michele

Sacra San Michele

Home L'architettura La Chiesa Gli affreschi

L'architettura

La statua di San Michele

Iniziamo a parlare degli esterni e dell'architettura della Sacra di San Michele partendo dalla grande statua di San Michele Arcangelo.

Chiunque arriva qui quassù non può non vedere questa enorme e bellissima statua.

San Michele Arcangelo
San Michele Arcangelo

Più difficili da vedere sono invece i piedi di Lucifero, sconfitto, infissi nel terreno.

I piedi del Diavolo
I piedi del Diavolo

gli esterni

La realizzazione della Sacra di San Michele ha richiesto secoli durante i quali gli stili di costruzione si sono modificati ... e di molto e, dallo studio della sua architettura, è ben visibile come la chiesa attuale sia eretta su strutture molto più antiche.

Sacra di San Michele

Si "leggono" ben tre stili di architettura:

- lo stile romanico originario dell'anno 1000 con stanze buie, quasi senza finestre, per difendersi al meglio dal freddo

lo stile romanico originario
stile romanico originario

- lo stile romanico di transizione al gotico del 1100 in cui si iniziano a realizzare le prime bifore

lo stile romanico di transizione al gotico
stile romanico di transizione al gotico

- lo stile gotico francese / italiano del 1200 e 1300 con archi e porte ...

lo stile gotico francese del 1200 e 1300 con archi e porte
stile gotico francese / italiano

... con la faccina del mastro scarpellino +/- nascosta

Ingresso Chiesa

Ma la cosa che più stupisce in questa abbazia è il rovesciamento degli elementi costitutivi classici di ogni abbazia!

Ingresso Chiesa
portale di ingresso alla Chiesa

Normalmente nelle chiese la facciata è frontale rispetto all'altare maggiore con le absidi, poste dietro l'altare maggiore, sulla parte tergale.

E, sempre normalmente, il portone di ingresso principale è al centro della facciata principale.

La facciata principale
la facciata principale è il muro esterno allo Scalone dei Morti

Alla Sacra di San Michele no!

Guardando la foto subito sopra la facciata principale si trova sulla destra ... in pratica è il muro esterno dello scalone dei Morti.

La facciata principale è sotto l'altare maggiore ed è sovrastata dalle absidi.

Ed il portone di ingresso è posto lateralmente in direzione sud.

La facciata prospiciente all'altare maggiore non ha ne porte e ne finestre ... una architettura più confusa di così!

Capiamo come un purista dello stile (e dell'architettura) possa storcere il naso ...

La terrazza panoramica

Prima di uscire definitivamente dalla Chiesa Abbaziale si farà: un breve passaggio sulla terrazza panoramica

la terrazza panoramica

la terrazza panoramica

la Torre della Bell'Alda

Il Monastero Nuovo, oggi in rovina, venne edificato sul lato nord quello che guardava sulla Val di Susa.

Di questa costruzione oggi rimangono solo pochi ruderi sui cui svetta la torre della Bell'Alda, oggetto di una leggenda locale.

la Torre della Bell'Alda

Siamo nel XVII secolo la bella Alda era una giovane (e bella) fanciulla.

La Val di Susa da sempre è terra di transito non solo di uomini e merci, ma anche di eserciti e soldati di ventura.

Non ci è noto l'anno ma la valle era invasa da soldati di ventura.

I valligiani in cerca di scampo si erano rifugiati sulla Sacra, ma i soldati, ovviamente incuranti della sacralità del luogo, li inseguirono e iniziarono il saccheggio di tutto quello che trovavano.

Monaci ed uomini venivano uccisi così come le donne, ma dopo essere state violentate.

la Torre della Bell'Alda

La bella Alda nel tentativo di sfuggire al proprio destino si ritrovò sulla sommità della torre.

Dopo aver pregato la Vergine Maria, disperata, decise che era meglio saltare nel burrone piuttosto che farsi prendere viva.

Ma appena si lanciò nel vuoto le vennero in soccorso gli angeli che prendendola tra le braccia la scaricarono illesa a valle.

In pratica la bella Alda fu la sola sopravvissuta al massacro.

Qui la leggenda si tinge di scuri tinte ...

Sacra di San Michele

Gli altri valligiani sopravvissuti sicuramente misero in dubbio il racconto della bella Alda oppure Lei si vantò dell'intervento Divino.

Tanto accadde che Alda tentò (o fu tentata) di nuovo il volo dalla torre.

Solo che questa volta nessun angelo andò in soccorso della fanciulla che si sfracellò, al suolo.

Di Lei non rimase praticamente nulla tanto che il frammento pi&uhrave; grosso era un orecchio:

'l toc pi gross a l'è l'ouria

Alda aveva peccato sicuramente di vanità, ma ancor oggi, in prossimità del punto di partenza della Via ferrata Carlo Giorda Sant'Ambrogio di Torino, possibile vedere una Croce in pietra risalente al 1726 denominata appunto "Croce della bell'Alda" che documenta il punto ove la bella Alda si sfracellò al suolo.

AugurandoTi una buona visita al sito ... Ti consigliamo di prenotare con Noi la Tua vacanza usando Booking.com. Qui di seguito alcune offerte last minute per i prossimi due giorni su alcune delle strutture presenti nelle vicinanze della Sacra di San Michele

Booking.com