Il tempo passa e l'Eternità si avvicina

abbazie.com

Eremo e monastero di Fonte Avellana

Fonte Avellana

Il monastero della Santa Croce

L'eremo

Ricordando che la visita nell'Eremo Monastero di Fonte Avellana è esclusivamente guidata (ed a pagamento) viene da chiedersi se è interessante o no.

In pratica si entra dal piano inferiore su un lungo corridoio e subito sulla sinistra si vede (da fuori) la biblioteca Dante Alighieri.

Un nappo impedisce l'ingresso anche se in verità i libri contenuti in questa biblioetca sono recenti e di poco valore.

La vera biblioteca di libri antichi non c'è più.

I pochi libri veramente antichi rimasti sono costuditi al piano superiore nella biblioteca "antica".

In generale fare fotografie è proibito e veramente Ti guardano male se estrai la macchina fotografica.

sotto il portico sulla destra l'ingresso


La vista prosegue con la Sala di San Giovanni da Lodi e con lo Scriptorium.

Rientrati nel corridoio principale si passa davanti a quel che rimane del chiostro, praticamente cannibalizzato nel momento in cui le celle dei monaci eremiti vennero collegate al monastero ed al resto della struttura.

Davanti al chiostro (è poco più che un pozzo di luce di forma rettangolare) c'è il refettorio non visitabile.

Il corridoio "diritto" finisce sull'ingresso della clausura in cui ovviamente non potremo entrare.

La visita prosegue a sinistra per entrare nella sala del Capitolo.

In questa sala c'è ben poco da vedere se non qualche traccia di affresco sul soffitto.

Nel settecento questa sala venne destinata a legnaia ed i risultati sono evidenti.

La guida ci dirà che sala fu costruita con una volta a botte a tutto sesto tipicamente romanico per avere la migliore acustica possibile nell'asse centrale.

Inoltre poichè il capitolo si svolge sempre la mattina dopo l'ora di prima, sulla parete di fondo, che è non per caso rivolta ad est, vennero realizzate tre finestre monofore per dare luce all'ambiente.

Noi che abbiamo visitato Fonte Avellana al pomeriggio non abbiamo potuto apprezzare la cosa.

Dalla sala del Capitolo si passa alla Cripta che è probabilmente la parte più antica dell'Eremo di Fonte Avellana.

Fonte Avellana - la Cripta


La Cripta altro non è che la prima chiesa primitiva dell'Eremo quindi coeva alla fondazione dell'Eremo stesso.

Una curiosità che la guida ci ha raccontato: nella Cripta la temperatura è praticamente costante tra i 15 ed i 22 °C tutto l'anno ... in special modo in inverno quando fuori la neve la fa da padrona.

La guida ci lascia, chiudendosi la porta alle spalle, che siamo ancora dentro la Cripta.

Non preoccupateVi c'è una seconda uscita che porta alla Basilica.

Fonte Avellana - la Cripta Fonte Avellana - la Cripta


Dalla cripta si sale al piano superiore dove troveremo la Basilica con il coro e la cappella della Croce.

Tutte le altre zone:

  • le celle dei monaci

  • la sacrestia

  • la biblioteca antica

  • la sala dell'accademia

  • e l'appartamento abbaziale

non sono visitabili.


abbazie.com

Tu sei il nostro



visitatore dal 01/05/2002









e per restare in contatto con Noi

Instagram

seguici su Instagram