Il tempo passa e l'Eternità si avvicina

abbazie.com

Le Chiese

Abbazia di Montecassino

Quando una chiesa è bella come un museo

La Chiesa dei Morti ad Urbania

La Chiesa dei Morti è sita ad Urbania nelle Marche.

Come è a molti noto fino all'editto di Napoleone Bonaparte di Saint Cloud (1804) le chiese erano comunemente usate come cimiteri.

Con questo editto Napoleone proibì questo utilizzo "poco igienico".

Nelle chiese si aprirono le cripte e le ossa ritrovate finirono in fosse comune nei cimiteri extraurbani.

Famosissima fu la protesta del Foscolo per la perdita delle spoglie del maestro Parrini.

Anche la Cappella Cola (il nome della Chiesa dei Morti fino al 1836) non sfuggì all'editto, ma quando si andarono a riesumare i cadaveri, non furono trovate povere ossa, ma mummie essiccate.

Immaginiamo lo stupore degli addetti alle riesumazioni pensando a quale mistero o miracolo.

La chiesa dei Morti La chiesa dei Morti


Invece niente di tutto questo la mummificazione era dovuta ad una speciale muffa presente nel terreno e pertanto era assolutamente naturale.

Alla sistemazione dei corpi provvide la Compagnia della Buona Morte fondata a Casteldurante (l'antico nome di Urbania) nel lontano 1567.

I Fratelli della Compagnia durante le cerimonie funebri vestivano di una veste bianca con cappuccio nero sul capo.

Vi chiederete il perchè vi diamo questo particolare.

Semplicemente perchè il Priore ed ideatore della Chiesa dei Morti, Vincenzo Piccini, è la mummia vestita con l'abito cerimoniale della Compagnia sita al centro della stanza.

La chiesa dei Morti La chiesa dei Morti


Particolare nel particolare la mummia accanto a Lui è la moglie.

Ci sono molte mummie ognuna con i suoi drammi: la morta di parto cesareo, l'impiccato, il non morto risvegliatosi nella terra ...

La visita alla Chiesa è consigliata ed adatta alle sole persone non impressionabili e con i nervi ben saldi.

Se siete persone che non amate le sensazioni forti .... forse è già troppo aver visto e letto questa pagina.


abbazie.com

Tu sei il nostro



visitatore dal 01/05/2002









Lascia i tuoi commenti sulla nostra pagina

Abbazie / Google+