Il tempo passa e l'Eternità si avvicina
www.abbazie.com
San Guglielmo e ... l'Abbazia di Malavalle
I racconti di chi c'è stato

| Home | Dove è l'abbazia perduta | I Vs racconti | La vita di San Guglielmo | Le chiese di San Guglielmo |


Durante una delle mie solite uscite pomeridiane in moto decido di prendere un sentiero che dalla Pian Di Rocca sale verso Tirli.

Arrivato sotto il paese decido di scendere in direzione Castiglione Della Pescaia nella zona dell'Ampio e guidato dalla curiosità di conoscere nuovi sentieri ne prendo uno traverso a una mulattiera.

Il sottobosco è molto fitto ma comunque accessibile, il terreno, umido si vede che è calpestato, forse da cacciatori o da qualche escursionista.

Comincio a scendere ed inizio a pensare: chissà su quale strada sbuca questo sentiero?!

Fatta un po' di strada questa si interrompe, un fosso, più in la un usciale che permette l'attraversamento.

Scendo di moto, controllo se è possibile che quel legno possa sopportare il peso, attraverso, scruto in lontananza qualche raggio di sole, ormai sono arrivato.

Riparto quando all'improvviso mi appare un rudere, mi fermo incantato a guardare e questo!?

Mi avvicino a piedi, leggo su di un piedistallo in legno "L'EREMO DI MALAVALLE".

Caspita! Ne avevo tanto sentito parlare dalle persone del posto, fanno le messe nere lá nel bosco, alla chiesina di San Guglielmo.

Mio Dio dove sono capitato, il cuore comincia a battere sempre più forte, meglio andarsene di fretta, ma la curiosità è tanta.

Comicio a scattare delle foto, il rudere è circondato da una rete arancione di lavori in corso, ma non c'è nessuno che lavora.

Un passaggio proprio davanti alle scale principali mi invita a scendere.

Uno scalino, poi due, mi faccio il segno della croce e scendo fino davanti la porta di entrata, delle sbarre e un vetro impediscono di entare, metto l'obbiettivo della macchina fotografica sul vetro e scatto un paio di foto.

Sopra la porticina un arco, murato, una croce fatta con due ramoscelli di albero, più su un finestrone, anch'esso chiuso con sbarre e vetro.

Il tetto è stato rifatto di recente.

Altri scalini e vado sul retro, paura e curiosità mi affliggono, cunicoli bui che vanno al di sotto del piano di costruzione mi intimoriscono, un altra entrata, finestre, tutto chiuso, sigillato. Scatto altre foto, delle celle ormai franate costeggiano un muro di cinta.

Mi fermo un attimo, nessun rumore, suggestione o cosa?!

Una strana costruzione adiacente alla chiesina pare avesse il tetto a forma piramidale, non so proprio che cosa sia.

Torno indietro, salgo le scale, mi volto, come se qualcuno mi guardasse da laggiù,nessuno!

Affretto il passo, salgo in moto e parto, ma questa volta non mi giro a guardare,non si sa mai...

Mirko maggio 2007

Eremo Malavalle


| Home | Dove è l'abbazia perduta | I Vs racconti | La vita di San Guglielmo | Le chiese di San Guglielmo |





abbazie.com

Tu sei il nostro



visitatore dal 01/05/2002









Lascia i tuoi commenti sulla nostra pagina

Abbazie / Google+