Il tempo passa e l'Eternità si avvicina

abbazie.com

San Francesco
di Assisi

Chiusi di la Verna - San Francesco riceve le Stimmate

La vita e le opere di San Francesco di Assisi dal 1203 al 1207

La conversione a Madonna Povertà

Poco si sa del periodo dal 1203 alla primavera del 1206.

Comunque la conversione di Santo Francesco sta prendendo corpo.

Di questo periodo ci sono noti solo alcuni eventi ...

Nel primo evento Santo Francesco è a Roma nel 1206.

San Francesco

Qui, forse incoraggiato dal Suo anonimato, gettò i Suoi denari nella cesta delle elemosine e scambiò i suoi abiti con quelli di un mendicante per poi mettersi anch'Egli a mendicare di fronte a San Pietro.

Nel secondo evento Santo Francesco è nella piana di fronte ad Assisi.

Qui incontra un Lebbroso.

Frenando la naturale ripugnanza e vincendo lo spirito di conservazione che lo avrebbe portato a fuggire, Gli si avvicinò e lo baciò con il bacio dell'Amore per poi continuare nel Suo cammino.

Ma poi, poco dopo, voltandosi si rese conto che il Lebbroso era sparito.

Quel Lebbroso era Gesù Cristo che era sceso in terra per ricevere il bacio dal Suo Servo.

San Francesco lasciò ampia traccia nel suo Testamento di questo incontro:

"Il signore Iddio in questo modo dette a Me, Frate Francesco, di incominciare a far penitenza.

Essendo in peccati, a Me pareva troppo amaro vedere i lebbrosi, e Iddio Signore Mi condusse tra quelli e fui loro misericordioso.

E partendomi da loro, quello che prima Mi parve amaro si convertì in dolcezza di animo e corpo"

Da Vita di San Francesco di Assisi - Lo Sposo di Madonna Povertà pag.22




La conversione

Gli amici, non capendo cosa stava succedendo al loro compagno di brigata, pian piano lo isolarono.

Il padre, capendo che le sue attese sul quel primogenito stavano scevrando, era disperato.

San Francesco


Probabilmente anche la madre non capiva cosa succedeva a Francesco, ma, da madre, lo confortava.

Così Francesco scelse il silenzio e la meditazione tra le campagne di Assisi, forse in quelle grotte od anfratti che esistono sotto il Colle dell'Inferno.

Non disdegnava altresì di fare tappa per pregare nella Chiesetta di San Damiano che dista appena 2 chilometri da Assisi.

E fu qui, un giorno come tanti altri, che il Crocifisso della cappellina si animò dicendoGli per tre volte:

"Va, o Francesco.

Ripara la mia casa che cade in rovina".



Va, o Francesco. Ripara la mia casa che cade in rovina

Francesco tornò a bottega caricò di stoffe un cavallo ed andò a venderle a Foligno e, dato che Gli sembrò di avere ricavato troppo poco, vendette anche il cavallo!

Con i denari ricavati andò dal sacerdote di San Damiano.

Immaginate la scena:

Francesco vuole donare quei denari al prete che conoscendolo, o meglio conoscendo il Pietro Bernardone, non li vuole.

Francesco insiste e finisce con il gettare quei denari dentro la chiesa .... quando arriva un irato Pietro di Bernardone, probabilmente avvertito sul cosa stava avvenendo giù a San Damiano.

Questa volta Francesco non ebbe il coraggio di affrontare apertamente il padre e preferì nascondersi per oltre un mese.

Ad affrontare Pietro Bernardone fu invece il prete ... che optò per restituire i denari ricevuti da Francesco.

Francesco voleva rompere con il mondo terreno per arrivare ad una vita di estasi e di spiritualità.

Sempre più spesso nella Sua testa risuonavano le parole:

"Chi ama il padre e la madre più di Me, non è degno di Me"

Da Vita di San Francesco di Assisi - Lo Sposo di Madonna Povertà pag.26


Il comportamento di Francesco era sempre più strano fino a che un giorno si mise a camminare per le strade di Assisi vestito di stracci e stranezza e sporco come pochi.

In questo stato lo trovò, o forse è più giusto dire, lo raccolse il povero Pietro Bernardone.

Convinto di avere un figlio malato (di pazzia) lo riportò a casa e rinchiuse in quella che oggi è ricordata come la cella di San Francesco.

Come suo solito Pietro Bernardone andò per il mondo a commerciare lasciando Francesco in custodia alla madre ... che lo lasciò libero!

La storia ci racconta come andò a finire la cosa: Pietro Bernardone ritornato dai suoi viaggi scoprì che Francesco era libero e lo ricercò per diseredarlo.

San Francesco rinuncia alle vesti

Pensando da laico Pietro si rivolse ai Consoli di Assisi, ma Francesco, che questa volta non ebbe il timore di affrontarlo, gli contrappose il Vescovo di Assisi Guido II, davanti al quale, in pubblica piazza, Francesco rinunciò a tutti i beni paterni.

In piazza ad Assisi.

di fronte Pietro Bernardone e Francesco ...

... con in mezzo il Vescovo Guido II



Vescovo Guido II

"Tu Messer Pietro non puoi impedire a tuo figlio di seguire la via che Dio Gli ha segnata .....

... e Tu Francesco se vuoi veramente seguire il Signore sulla strada della Perfezione rinuncia ad ogni cosa"

San Francesco

Udite Tutti.

Finora ho chiamato padre Pietro Bernardone, ma poichè da oggi intendo servire solo il Signore, rinuncio a tutto quello che potrebbe toccarmi da lui in eredità e gli rendo le vesti che ho indosso.

D'ora in poi potrò così invocare liberamente al Signore Padre Nostro che sei nei Cieli"



San Francesco rinuncia alle vesti

Da quel giorno del 1207 San Francesco entrava a servizo di Dio, ma non era ancora ne un sacerdote ne un frate!.



Una piccola bibliografia veramente economica:

Anacleto Iacovelli

Vita di San Francesco di Assisi - Lo Sposo di Madonna Povertà

Samuele Duranti

Nacque al mondo un sole

Hermann Hesse

Francesco di Assisi

Versione web - aggiornamento 4.0

abbazie.com

Tu sei il nostro



visitatore dal 01/05/2002









Lascia i tuoi commenti sulla nostra pagina

Abbazie / Google+