Il tempo passa e l'Eternità si avvicina

abbazie.com

Sacra di San Michele

Sacra di San Michele e la Val di Susa

Sacra di San Michele gli esterni e la Torre della Bell'Alda

la terrazza panoramica

Prima di uscire definitivamente dalla Chiesa Abbaziale si farà: un breve passaggio sulla terrazza panoramica

la terrazza panoramica la terrazza panoramica


la Torre della Bell'Alda

Il Monastero Nuovo, oggi in rovina, venne edificato sul lato nord quello che guardava sulla Val di Susa.

Di questa costruzione oggi rimangono solo pochi ruderi sui cui svetta la torre della Bell'Alda, oggetto di una leggenda locale.

Sacra di San Michele

Siamo nel XVII secolo la bella Alda era una giovane (e bella) fanciulla.

La Val di Susa da sempre è terra di transito non solo di uomini e merci, ma anche di eserciti e soldati di ventura.

Non ci è noto l'anno ma la valle era invasa da soldati di ventura.

I valligiani in cerca di scampo si erano rifugiati sulla Sacra, ma i soldati, ovviamente incuranti della sacralità del luogo, li inseguirono e iniziarono il saccheggio di tutto quello che trovavano.

Monaci ed uomini venivano uccisi così come le donne, ma dopo essere state violentate.

la Torre della Bell'Alda

La bella Alda nel tentativo di sfuggire al proprio destino si ritrovò sulla sommità della torre.

Dopo aver pregato la Vergine Maria, disperata, decise che era meglio saltare nel burrone piuttosto che farsi prendere viva.

Ma appena si lanciò nel vuoto le vennero in soccorso gli angeli che prendendola tra le braccia la scaricarono illesa a valle.

In pratica la bella Alda fu la sola sopravvissuta al massacro.

Qui la leggenda si tinge di scuri tinte ...

la Torre della Bell'Alda

Gli altri valligiani sopravvissuti sicuramente misero in dubbio il racconto della bella Alda oppure Lei si vantò dell'intervento Divino.

Tanto accadde che Alda tentò (o fu tentata) di nuovo il volo dalla torre.

Solo che questa volta nessun angelo andò in soccorso della fanciulla che si sfracellò, al suolo.

Di Lei non rimase praticamente nulla tanto che il frammento pi&uhrave; grosso era un orecchio:

'l toc pi gross a l'è l'ouria

Alda aveva peccato sicuramente di vanità, ma ...

Sacra di San Michele

Ancor oggi, in prossimità del punto di partenza della Via ferrata Carlo Giorda Sant'Ambrogio di Torino, possibile vedere una Croce in pietra risalente al 1726 denominata appunto "Croce della bell'Alda" che documenta il punto ove la bella Alda si sfracellò al suolo.


abbazie.com

Tu sei il nostro



visitatore dal 01/05/2002









Lascia i tuoi commenti sulla nostra pagina

Abbazie / Google+